Crostata con frolla alle mandorle

BuonDì, oggi vi posto la ricetta di un altro dolce.  Piccolo preambolo, ieri è stata una  giornata di esperimenti, volevo provare da anni una ricetta riportata su  “La cucina del corriere della sera”, c’era in copertina una bellissima torta di carote glassata con un frosting di philadelphia e cioccolato bianco, mi attirava moltissimo, ma non so perchè ho sempre rimandato, vi dico la verità le ricette di quei mensili non mi hanno mai convinta  fino in fondo,  e forse non mi sbagliavo, le compravo soprattutto per le foto e per le composizioni dei set…. cosa che adesso non faccio più. Morale della favola ho preparato  la torta, profumo ottimo, ma la consistenza   è  troppo densa ed umida per i miei gusti, diciamo che non mi è piaciuta più di tanto, per questo ho deciso di non pubblicarla, perchè sul blog ci sono solo  ricette super garantite come quella di questa crostata… La frolla è una ricetta di C.Felder tratta dal suo magico librone rosa ,comprato in lingua originale, quindi è  testata più e più volte , molto versatile, ci faccio biscotti, crostate , tartellette, è sempre perfetta..

Ingredienti: ( io ho fatto una dose e mezza)

175 g di burro;

125 g di zucchero extrafine;

85 g di polvere di mandorle;

la scorza grattugiata di mezzo limone;

1 tuorlo;

25 g di uova intere battute;

225 g di farina 00;

un pizzico di sale;

confettura a scelta io di amarene.

ciò che resta dei 25 g di uovo battuto per lucidare la crostata;

Preparazione:

Versate la farina 00, la farina di mandorle e lo zucchero nella planetaria, mescolate con la foglia, poi aggiungete il burro, il sale e la scorza di limone, iniziate ad impastare , quando il composto diventa “bricioloso” , unite il tuorlo e i 25 g di uova interi, lavorate ancora fino a quando la frolla non si stacca dalle pareti della ciotola . Trasferite l’impasto sulla spianatoia, formate un panetto, avvolgetelo nella pellicola trasparente e riponetelo in frigo per almeno 3 ore. A questo punto potete decidere di fare dei biscotti, magari tipo occhio di bue che sono sempre apprezzatissimi, o delle tartellette cotte in bianco e poi farcite con una crema , o una semplice crostata come ho fatto io.

Riprendete la frolla , stendetela su di un foglio di carta forno leggermente infarinato, in questo modo sarà più facile trasferirla nella teglia (ho usato uno stampo rettangolare di 11 x 35 cm) , pareggiate i bordi con un coltello o passandoci sopra con il matterello,  con i rebbi di una forchetta bucate il fondo, riempite il guscio di confettura , decorate la crostata con delle strisce ricavate dall’impasto rimanente, lucidate con ciò che resta dell’uovo battuto. infornate a 180° per 30 -35 minuti , regolatevi in base al vostro forno. Visto che avevo fatto una dose e mezzo di impasto , ho preparato anche dei biscotti.

A presto Manu.

Lascia una risposta