Maki Sushi

BuonDì, oggi una ricetta made in Japan…Le persone che mi conoscono sanno che sono molto scettica e schizzinosa in fatto di cibo, molto restia ad assaggiare piatti diversi, con ingredienti inusuali per me. In questi anni le cose sono un po cambiate , da una dieta ristretta, anzi molto ristretta fatta di pasta , insalata, e carne di vitello magrissima, poco pollo, ho iniziato ad apprezzare verdure,  pesce , il maiale, i formaggi ,salumi.. questo è accaduto un po per il blog e forse ha ragione mia suocera quando afferma: che ogni tot di anni i gusti cambiano. Adesso ho acquisito un po di coraggio e quando mi propongono qualcosa di nuovo non mi limito ad annusarlo, storcere il naso e dire a priori non mi piace, cerco comunque di assaggiare. Per quanto riguarda la cucina etnica … 4 anni fa  eravamo a Parigi nel quartiere Latino, era ora di pranzo e stavamo valutando cosa mangiare, ci siamo fermati davanti ad un ristorante indiano bellissimo, elegante, colorato, prezzi non troppo esosi, abbiamo deciso di provare, morale della favola intossicazione alimentare , febbre .. e per 2 giorni sono restata in hotel, li ho capito che non potevo dare nome peggiore al mio blog, le spezie non mi piacciono granchè a parte le solite, ma  curry, cumino, garam masala ecc..mi fanno strani effetti, e non sono afrodisiaci…. Nonostante la brutta esperienza con l’etnico, l’anno successivo siamo stati a Barcellona con 2 amici amanti della cucina giapponese, abbiamo cenato una volta in un ristorante , si chiamava Udon (ve lo consiglio!), ho assaggiato i noodle  con scaglie di bonito e mi sono piaciuti moltissimo, anche la zuppa di miso non era male. Incoraggiati dall’ottima cena, il giorno successivo abbiamo pranzato sulla Barceloneta in un ristorante sulla spiaggia lo Shoko (vi consiglio anche questo), ho assaggiato la soba , non so se per lo splendido posto o per la sangria, ma mi è sembrata buonissima. Morale della favola ho dedotto che il giapponese è ok! Da poco tempo hanno aperto a Lecce un ristorante di cucina asiatica, ne parlavano tutti abbiamo provato, ho assaggiato il maki sushi… definirlo sgradevole è un eufemismo, non mi è piaciuto per niente… ho pensato che gli ingredienti fossero scadenti. Visto che spesso mi intestardisco su alcune cose, ho iniziato a vedere video  tutorial sul sushi, ho comprato libri insomma ho deciso di   rifarlo a casa con ingredienti scelti con cura, ho usato invece del pesce crudo un filetto di salmone scozzese  affumicato, e delle verdure. Ho comprato tutto il necessario: il riso per sushi, l’aceto di riso, l’alga nori, lo zenzero marinato, il wasabi, la stuoietta  di bambù per arrotolare il maki, insomma tutto pronto. Niente … non era questione di ingredienti il sapore disgustoso (parlo per me ) è dato dall’alga, per non parlare della consistenza …. adesso devo inventarmi qualcosa che possa sostituite la nori, un paio di idee le ho già, ma adesso vi scrivo la ricetta che mi sono dilungata più del dovuto… Un’ultima considerazione, passerò per campanilista, ma la cucina italiana per me resta sempre la N1!!lL’ho detto…..

*La definizione esatta del termine  sushi sarebbe” riso acidulo con aceto di riso, accompagnato da pesce crudo, cotto o marinato, da crostacei, verdure o uova”

 

 

maki

Ingredienti:

2 fogli di alga nori;

120 g di riso per sushi;

120 g di filetto di salmone affumicato ( o salmone fresco, o tonno..);

aceto di riso;

una falda di peperone rosso;

una falda di peperone giallo;

fagiolini bolliti;

sale;

zenzero marinato;

maki sushi 2

Preparazione:

Mettete il riso in uno scolapasta, sciacquatelo bene sotto un getto di acqua corrente finché non risulterà limpida. E’ un riso che va cotto per assorbimento , seguite le indicazioni riportate sulla confezione. Una volta pronto, aggiungete l’aceto di riso , 1/4 di cucchiaino di sale e mescolate delicatamente senza rompere i chicchi. Lasciate raffreddare a temperatura ambiente. Tagliate sia il peperone giallo che quello rosso a strisce sottili, bollite i fagiolini e raffreddateli in un bagno di acqua e ghiaccio, asciugateli.

Tagliate il filetto di pesce in lunghe listarelle . Dispone un foglio di alga nori sul tappetino di bambù, e copritela con metà del riso, . Inumiditevi le mani e premete leggermente sul riso per distribuirlo in modo uniforme. mettete sul riso le listarelle  di pesce , i fagiolini e i peperoni. Sollevate il bordo della stuoia di bambù per arrotolare il maki su se stesso, compattare bene il tutto premendo sulla stuoia. Se il foglio di alga nori è troppo lungo tagliate l’eccedenza. Tagliate il rotolo in sei tronchetti utilizzando un coltello ben affilato.

Non so se la descrizione sia stata chiara , vi posto il link che ho seguito…How to make sushi .

Non mi piace e si è capito, ma farli è divertente!!!!! Buon Fine settimana , a presto Manu.

Related Post

Lascia una risposta