Pasta fresca .. secondo atto : tagliatelle con grano arso

Buona settimana… direi di pasta in pasta… sapevo che alla fine sarei entrata in fissa con la pasta fresca, tutto sta nel cominciare. Qualche giorno fa, mentre girovagavo per gli scaffali del super mercato, ho visto tra le farine quella di grano arso, ne avevo sentito parlare durante una fiera di eno gastronomia dalla chef  Antonella Ricci, ma all’epoca non ero  riuscita a trovarla, e quando l’ho vista mi sono brillati gli occhi e l’ho comprata.  Bene adesso è mia, e che ci faccio? Qualche giorno dopo, passeggiando per il centro sono entrata in libreria (tappa obbligatoria), e guardando qua e là , ho sfogliato il libro “La tavola dei Ricci” molte ricette di primi piatti erano a base di grano arso… ovviamente non ci ho pensato due volte e l’ho comprato, è davvero un bel libro, in più essendo la Chef pugliese,  i prodotti utilizzati sono facilmente reperibili, unica pecca , ci sono poche immagini, ma pazienza…..Domenica  , nonostante la bellissima giornata sono restata a casa, il marito era di ritorno da Napoli e per fargli cosa gradita,  ho sperimentato le tagliatelle, che con la macchina per  stendere la pasta fresca sono facilissime da realizzare …

Ingredienti:
200 g di semola rimacinata Senatore Cappelli;
30 g di farina di grano arso;
125 g circa di acqua;
funghi cardoncelli;
1 nodo di salsiccia privato del budello;
vino bianco secco;
pomodorini;
passata  di pomodoro;
scalogno;
olio evo;
peperoncino;
parmigiano grattugiato;
basilico;
sale;

Preparazione:
Preparare la pasta, mescolare le due farine metterle nel boccale della planetaria con la foglia,  azionare e versare gradatamente l’acqua, quando si sarà formata una palla, prendere l’impasto e lavorarlo brevemente sulla spianatoia, dopodiché coprirlo a campana con una ciotola e lasciarlo riposare una mezz’ora. Nel frattempo preparare il condimento , in una padella fare imbiondire nell’olio  lo scalogno tritato  e un po di peperoncino, poi aggiungere la salsiccia sbriciolata, far rosolare un paio di minuti , sfumare con poco vino bianco, aggiungere i funghi tagliati, mescolare e coprire con il coperchio, lasciar cuocere 5 minuti, poi unire i pomodorini tagliati a metà, qualche foglia di basilico, e un bicchiere scarso di passata di pomodoro (come misura ho usato un bicchiere di plastica), regolare  di sale e portare a cottura , all’incirca  ci vorranno 20 minuti. Trascorso il tempo, prendere parte dell’impasto, quello che avanza riporlo sotto la ciotola per evitare che si asciughi, infarinarlo con la semola, e passarlo tra i rulli della macchina sino ad ottenere lo spessore desiderato ( io mi sono fermata al sesto), con l’apposito accessorio, tagliare le sfoglie ottenute nel formato di tagliatelle, spolverarle con altra semola e farle asciugare un po. Mettere a bollire l’acqua, tempo di cottura 2 minuti, mantecarle nel condimento, aggiungendo se serve un po di acqua di cottura della pasta, ed infine parmigiano.

E’ più facile a farlo che a dirlo… e per dessert un classicone sempre apprezzato…

Ma questo sarà un altro post….
Buona giornata Manu.

RelatedPost

Lascia una risposta